Dalla Spagna e dal Sud Italia il goji per arricchire la IV Gamma

Ha debuttato al Medfel, la fiera di Perpignan, l’azienda spagnola Goji Vidal specializzata nella produzione di goji fresco nonché tra i pionieri, circa sette anni fa, nella coltivazione europea di questo prodotto con i primi impianti ad Almonte nella provincia di Huelva.

Attualmente ha basi sia in Spagna che Marocco e da un anno distribuisce in Carrefour Spagna, in Germania presso la catena Edeka, in Olanda e anche in Svizzera, tramite un distributore. L’obiettivo è, ora, il mercato francese dove si propone non solo con le sue vaschette da 100 grammi ma anche come partner per eventuali produttori di IV Gamma proponendo il Goji come un innovativo arricchitore.

“Il goji è un prodotto che si abbina benissimo ai mix di insalate – spiega il direttore generale Juan Carlos Lopez Nicklaus che abbiamo incontrato nello stand dell’azienda in fiera – perché è un frutto che ha un sapore simile al pomodoro. Attualmente lo mandiamo nei supermercati di alcuni Paesi europei, in vaschette di 100 grammi, ma l’obiettivo del 2019 è di entrare nel mercato francese proponendoci anche come fornitore di un arricchitore di IV Gamma. Il goji ha una shelf-life di circa 14 giorni ma, se conservato adeguatamente può arrivare anche a tre settimane. Per questo potrebbe essere inserito direttamente nelle vaschette dei mix senza bisogno di uno spazio apposito”.

Goji Vidal, che produce su complessivi 20 ettari spalmati tra Spagna e Marocco, fa anche da consulente alle tante aziende agricole che sempre più si stanno interessando, nelle aree di coltivazione vocate della penisola iberica, a questo frutto esotico.

“Per le sue alte proprietà nutrizionali e benefiche – precisa Lopez Nicklaus – abbiamo creato un impianto di trasformazione al fine di poterne anche ricavare dei succhi, delle polveri e anche dei prodotti cosmetici. Per l’alta redditività del goji, molte aziende ci chiedono le piante e anche servizi di consulenza tecnica per la coltivazione poiché non è una varietà molto conosciuta in campo. Quelli che avviano la coltivazione, poi, conferiscono alla nostra azienda che, oltre che certificata vivaista e produttrice, ha anche degli impianti di trasformazione. Probabilmente prima o poi faremo una OP o una cooperativa”.

Per gli italiani, il goji come arricchitore delle insalate di IV Gamma non è una novità, posto che da un paio di anni questo prodotto ha anche la sua versione made in Italy, disponibile in estate in versione fresca, coltivata in biologico grazie alla rete di imprese Lykion che annovera decine di agricoltori del Sud Italia nella filiera del Goji Italiano.

“Da qualche mese – spiega il fondatore Rosario Previtera – abbiamo realizzato un’insalata mista arricchita di Goji che vendiamo alle catene della GDO con il nostro marchio Insalabella. Le aziende di IV Gamma, inoltre, stanno acquistando Goji italiano e possono usarne il marchio”.

Tra le altre novità di IV Gamma della fiera di Perpignan, abbiamo scoperto i cuori di carciofo ‘O’Delice’ dell’azienda spagnola Cuadraspania di Cuevas del Almanzora. Sono senza pesticidi e pronti per l’uso con una shelf-life di 10 giorni se conservati a 4°. Per la loro alta portata innovativa, ossia quella di essere un carciofo ready to eat 100% ossia sbucciato e lavato, sono stati premiati nel contest di Fel’Innova. La novità tecnologica è legata ad una formula anti-ossidante a base di acido citrico e ascorbico che permette la conservazione del frutto fresh-cut, a residuo zero, senza che imbrunisca, fino a 10 giorni.

Mariangela Latella