Successo per Orticoltura in campo, l’evento dedicato all’agricoltura high tech

Si chiude con un grande successo di visitatori, in parte inaspettato, l’edizione 2020 di Orticoltura in Campo, la manifestazione organizzata da Ferrari Costruzioni Meccaniche e Idromeccanica Lucchini, con la partecipazione di oltre 50 le aziende italiane leader nel settore di meccanizzazione, nata con l’idea di poter aiutare i partecipanti, provenienti da da 40 paesi diversi. Prove in serra del mattino e approfondimenti tematici al pomeriggio, una formula snella e vincente, che ha soddisfatto organizzatori e pubblico.

La diciassettesima edizione della manifestazione sembra aver cambiato passo coinvolgendo tutta la filiera orticola: dalle novità varietali alla produzione, dalle attrezzature per lavorare il terreno alla protezione delle colture, dall’irrigazione alle tecniche fuorisuolo, fino all’imballaggio e alla conservazione ogni operatore ha avuto di che approfondire.

Tra le tecniche colturali in mostra a destare maggiore interesse il  floating system e il vertical farming. I momenti convegnistici, seguiti con molto interesse e curiosità, hanno rispecchiato esattamente quella che è la mission delle giornate, ovvero di educare i coltivatori attraverso soluzioni efficaci ed innovative. “Il nostro compito – dichiarano gli organizzatori –  è esportare qualità, tecnologia e competenza italiana in tutto il mondo orticolo”.

La prima giornata di fiera, infine, è stata anche l’occasione per inaugurare il Greenhouse Park by Lucchini, una sorta di showroom agricolo di oltre 6.000 metri quadri in cui l’azienda mette permanente in mostra le sue soluzioni tecnologiche e innovative.