Maxi accordo Pepsico – Beyond Meet su snack e bevande vegetali

Si chiama The Planet Partnership (La collaborazione planetaria), la joint venture tra il Gruppo Pepsico e il Gruppo Beyond Meat, annunciata il 26 gennaio.
Con l’accordo, Pepsico entra in pompa magna nel settore degli snack e delle bevande a base vegetale. L’ingresso è tanto più prestigioso in quanto nasce dalla collaborazione tra due colossi entrambi quotati al NASDAQ, l’indice dei principali titoli tecnologici della borsa americana.
Probabilmente anche per questo, nello stringato comunicato diffuso dalla major mondiale delle bevande, lo scorso 26 gennaio, non sono stati resi noti dati relativi all’accordo finanziario tra le due aziende e all’ammontare complessivo dell’investimento.
“Le proteine vegetali – ha sottolineato Ram Krishnan, direttore commerciale globale di Pepsico – rappresentano un’entusiasmante opportunità di crescita per noi, una nuova frontiera che supporta i nostri sforzi nel costruire un sistema alimentare più sostenibile ed essere una forza positiva per le persone e il pianeta, soddisfacendo al contempo la domanda dei consumatori che chiedono un portafoglio arricchito con prodotti più nutrienti”.
In questo senso, la californiana Beyond Meat non poteva essere partner migliore dato che è un player innovatore e all’avanguardia in questa categoria in rapida crescita oltre che leader di mercato.
Passo successivo, mettere insieme le abilità dei due gruppi di livello mondiale, per la costruzione di un marchio ’very green’, la targetizzazione dei consumatori e la distribuzione di innovative linee di prodotto.
“Siamo entusiasti di unire ufficialmente le forze con Pepsico in The Planet Partnership – ha commentato Ethan Brown, fondatore e CEO di Beyond Meat – in una joint venture che mette insieme le loro grandi e capillari abilità di distribuzione e marketing e la nostra capacità innovativa nel mondo delle proteine vegetali. Non vediamo l’ora di dare al via allo studio di nuove categorie e linee di prodotti che ispireranno scelte positive per le persone e per il pianeta”.
Mariangela Latella