Nuovi ceppi di peronospora attaccano gli spinaci. Soluzioni da Rijk Zwaan

Il Gruppo di lavoro internazionale sulla peronospora dello spinacio (IWGP) ha denominato due nuove razze di peronospora dello spinacio (Peronospora effusa): il ceppo SP1924 identificato in Europa, denominato Pe:18 e il ceppo UA202001E, isolato negli USA, denominato Pe:19.
L’International Working Group on Peronospora in spinach (IWGP) opera a livello internazionale ed è amministrato da Plantum, che ha sede in Olanda. Monitorando costantemente la comparsa di ceppi dell’agente patogeno diversi dalle razze conosciute, mira a promuovere un’intensa e chiara comunicazione tra enti pubblici e privati, il mondo sementiero, quello della produzione, gli scienziati e le altre parti interessate, riguardo tutte le razze per cui non ci sono resistenze e che sono abbastanza forti da sopravvivere negli anni, che si sviluppano in un’area ampia e che causano ingenti danni economici.
Poiché entrambi i microrganismi rappresentano una seria minaccia per l’industria dello spinacio di tutto il mondo, la resistenza a queste nuove varianti è importante. La casa sementiera Rijk Zwaan fa sapere che nel suo programma sullo spinacio ha già una gamma di varietà resistenti a Pe:18 e Pe:19. “Come azienda di breeding vegetale siamo felici offrire una soluzione ai produttori di spinacio di tutto il mondo con varietà resistenti”, afferma Anne Königs, product co-ordinator breeding Terra di Rijk Zwaan e membro di IWGP.
Rijk Zwaan sostiene un approccio integrato alla gestione della resistenza, che consiste in gran parte nelle varietà resistenti. Tuttavia, i controlli delle malattie e le misure igieniche sono anch’esse importanti per aiutare a prevenire lo sviluppo di nuove razze di peronospora. Pratiche igieniche adeguate, come la rimozione di detriti e piante malate, ne riducono la diffusione nelle colture.