Bonduelle finanzia la ricerca sugli alimenti vegetali

A Bruxelles, in occasione del 12° congresso della Fondazione Bonduelle, Guillaume Debrosse, CEO del Gruppo, ha annunciato il lancio di un nuovo bando per la presentazione di progetti incentrati sulla ricerca partecipata. Il bando è aperto a tutti i gruppi di ricerca accademica che lavorano sugli alimenti di origine vegetale e che vedono il coinvolgimento dei cittadini in prima persona.

Creata nel 2004, la Fondazione Louis Bonduelle ha come obiettivo quello di cambiare in meglio le abitudini alimentari nel rispetto del pianeta e dell’uomo. Di fronte alle monumentali sfide legate al settore alimentare, sia umane che ambientali, la Fondazione riafferma il suo sostegno alla ricerca, coniugando iniziative sul campo e ricerca scientifica.

È per questo che il 3 dicembre, in occasione della dodicesima conferenza della Fondazione, Guillaume Debrosse ha lanciato ufficialmente un nuovo bando per la presentazione di progetti incentrati sulla ricerca partecipata. “Questa nuova metodologia di ricerca mira a far progredire le conoscenze scientifiche, mettendo al centro il cittadino che diventa allo stesso tempo sia stakeholder che beneficiario del progetto”, ha dichiarato Debrosse. “In un contesto difficile, caratterizzato dall’emergenza climatica e da una popolazione in crescita, il modo in cui alimentiamo le persone deve cambiare e, oggi più che mai, l’alimentazione a base vegetale è al centro di queste sfide. Grazie a questo nuovo programma di finanziamento, la Fondazione Louis Bonduelle si impegna a promuovere le sue iniziative in ogni Paese in cui opera con lo scopo di far progredire le conoscenze scientifiche ed al tempo stesso guidare il cambiamento sociale”.

Il nuovo concorso intitolato “Ricerca partecipata per aumentare il consumo di alimenti di origine vegetale” è aperto e per inviare una proposta è sufficiente presentarla sul sito web della Fondazione entro il 29 febbraio 2020.