Conad Sicilia rilancia la IV Gamma con insalate arricchite e prezzi bassi

Si inaspriscono le regole del mercato di IV Gamma dopo la fine del lockdown soprattutto in un territorio, come la Sicilia, che aveva visto crescere questo segmento di mercato negli ultimi cinque anni, durante i quali il fresh cut consumato dalle tradizionaliste famiglie siciliane era riuscito ad arrivare ad occupare una quota del 10% rispetto al 2% iniziale. Un mercato nuovo ma in piena fase di sviluppo.

“La perdita durante il periodo di pandemia per il settore siciliano è stata del 6% – riferisce a FreshCutNews Fabio Rinzivillo (nella foto), responsabile del reparto IV Gamma di Conad Sicilia. Tuttavia si tratta di una cifra che va considerata in linea con la media nazionale, del 10%, se si pensa che qui nell’isola i numeri del consumo sono molto più piccoli rispetto a quelli registrati nel Nord Italia”.

Conad Sicilia è la prima insegna di supermercati in Sicilia per quota di private label nel fresh cut (50%) mentre le altre insegne sono tutte sotto il 20%, eccettuati i discount dove la private label è molto più alta. In Eurospin, ad esempio arriva al 100%.

“La vera sfida all’indomani della pandemia – precisa Rinzivillo – è quella di confrontarsi non solo con un mercato ancora giovane, ma soprattutto con famiglie che avranno un potere di acquisto più o meno significativamente ridotto. Per questo pensiamo di rilanciare, soprattutto proponendo le insalate arricchite per l’estate, referenze che ci mancavano per completare l’assortimento. Allineeremo i prezzi della private label  ‘every day low price’, che rappresenta il cuore del nostro assortimento, a quelli di mercato. Con la marca commerciale lavoreremo con i ‘bassi e fissi’ riferiti ai prezzi delle mono-porzioni inferiori a 100 grammi e vendute a circa 99 centesimi”.

Mariangela Latella