Allarme E.Coli in USA e Canada. Sospetti sugli impianti di Salinas

Nuovo allarme sicurezza alimentare in Nordamerica collegato a confezioni di IV Gamma. L’ombra del sospetto cade sugli impianti di produzione di Salinas in California. La nuova epidemia di E.Coli ha colpito in tre Stati USA (Nord Dakota, Minnesota e Wisconsin) e in cinque province canadesi.

L’epidemia, sulla quale stanno investigando i funzionari della Food and Drug Administration americana, sarebbe associata al kit di insalate tagliate e imbustate ‘Fresh Express Sunflower Crisp Chopped Salad Kits’.

Nel dubbio e in via cautelativa, sono state ritirate dal mercato alcune serie di confezioni. Secondo una nota ufficiale diffusa dall’amministrazione statunitense per la sicurezza alimentare, si tratta di un’epidemia diversa da quella ancora in corso associata ai lotti di lattuga romana prodotti a Salinas in California, che ha già contagiato 102 persone negli USA e due in Canada.

Anche se la lattuga romana è presente nei mix delle buste ritirate a causa della nuova epidemia, gli ispettori non hanno ancora determinato a quali degli ingredienti del kit di insalate Fresh Express debba attribuirsi il focolaio. Ma il sospetto che possa trattarsi della lattuga romana è alto ma non è chiaro se le foglie arrivino da lotti di Salinas o da altre aree produttive degli USA.

In Canada, il ritiro dei prodotti contaminati è avvenuto domenica scorsa, l’8 dicembre, dopo la segnalazione delle autorità locali di 16 casi di persone colpite da un ceppo di E.Coli O157:H7.3. Il giorno successivo, lunedì 9, la denuncia si è estesa a tre Stati USA, dove sono stati registrati otto casi di contagio. Tutte persone, nel complessivo areale interessato, che avrebbero contratto l’infezione tra il 5 e il 22 novembre.

Mariangela Latella