L’OP Guidizzolo entra nell’agone della IV Gamma

L’OP Guidizzolo, specializzata nella produzione di insalate gentiline e cappuccine di prima gamma e prima gamma evoluta su 350 ettari nel Mantovano, sta puntando al settore della IV Gamma e ha iniziato a testare in una serra idroponica hi-tech, su una superficie di 1,3 ettari, alcune baby leaf per rispondere ad una crescente richiesta del mercato acuita, nelle ultime stagioni, dal maltempo che, sempre più spesso, fa mancare prodotto sugli scaffali.

“Siamo vicini al lago di Garda e beneficiamo di un clima temperato e ventilato – spiega Fabrizio Cimarosti, presidente di OP Guidizzolo che si trova nell’omonimo comune in provincia di Mantova – che ci permette di avere produzioni non sottoposte ad eccessivi stress climatici, senza squilibri sui prezzi all’avvicendarsi delle stagioni. Non a caso l’80% delle nostre insalate sono prodotte a campo aperto con pacciamatura biodegradabile e solo il 20% sotto serra”.

Nonostante la tradizionale vocazione alla produzione di insalate sfuse destinate per il 60-70% al canale della GDO e per la restante parte ai Mercati all’ingrosso del Nord Italia, da circa un anno sei soci dell’OP hanno realizzato una serra super tecnologica, idroponica, illuminata a Led, dove oltre a coltivare basilico e altre erbe aromatiche si testano nuove varietà di baby leaf quali la Salanova di Rijk Zwaan per entrare appunto nel canale della IV Gamma.

“Abbiamo realizzato un progetto per i prossimi 5 anni – afferma Cimarosti – con l’idea di espandere le nostre superfici anche acquistando nuovi terreni per arrivare anche a 400 ettari complessivi, quindi aggiungendo 50 ettari, sempre nel Mantovano, solo per il Fresh Cut. Sarà un impianto importante se si considera che in serra idroponica un ettaro produce l’equivalente di 13 ettari in campo aperto. Qualche esperienza di forniture di IV Gamma già ce l’abbiamo perché occasionalmente abbiamo collaborato con La Linea Verde, ma adesso vogliamo investire di più. La spinta è arrivata dalla crescente carenza di prodotto che le condizioni di clima avverso stanno determinando, con forti cali di resa nella maggior parte dei poli produttivi italiani di IV Gamma”.

Mariangela Latella